Impianti zigomatici e ilconcetto ZAGA

Benvenuti nella nostra guida informativa sugli impianti zigomatici. Questo trattamento innovativo è stato ideato specificamente per i pazienti a cui è stato diagnosticato che l’osso non è sufficiente per un impianto dentale tradizionale. Se stai valutando le opzioni per gli impianti dentali ma devi affrontare problemi dovuti alla perdita di osso nella mascella, gli impianti zigomatici possono essere una soluzione adatta a te. Questa guida ti aiuterà a capire come questi impianti possano rappresentare un’alternativa affidabile per migliorare il tuo sorriso.

Utilizziamo dati di ricerca scientifica e informazioni provenienti da vari studi, che puoi trovare su zagacenters.com. Questo ci aiuta a spiegare come la Tecnica ZAGA possa essere utile ai pazienti odontoiatrici. La tecnica offre una soluzione affidabile a lungo termine per i pazienti a cui è stato diagnosticato che non sono candidati idonei per gli impianti dentali tradizionali o per coloro che sono alla ricerca di una migliore cura dentale.

Centro ZAGA Montenegro - TAC di un Paziente con Impianti zigomatici

Sommario

Capire l'atrofia mascellare grave

Gli impianti dentali zigomatici hanno rivoluzionato l’odontoiatria offrendo una soluzione innovativa per i pazienti con osso mascellare insufficiente o assente. Per comprendere meglio questa tecnica di trattamento dentale, immagina l’osso mascellare come il terreno di un giardino. Proprio come alcune piante hanno bisogno di un terreno profondo per crescere bene, i normali impianti dentali richiedono una buona quantità di osso a cui aggrapparsi. Ma cosa succede se il terreno (o l’osso) non è abbastanza profondo? È qui che entra in gioco l’implantologia zigomatica.

Gli impianti zigomatici rappresentano spesso l’ultima opzione più efficace per fissare gli impianti dentali fissi. Nella riabilitazione zigomatica, i chirurghi inseriscono gli impianti nello zigomo, fornendo una base stabile per le protesi dentali. Ciò garantisce una funzionalità e un’estetica ottimali per la nuova dentatura del paziente.

Gli impianti zigomatici sono più lunghi e si ancorano allo zigomo anziché alla mascella, per una maggiore stabilità. Lo zigomo è di solito molto più consistente e profondo dell’osso mascellare superiore, il che lo rende una base eccellente per questi impianti.

Ecco una semplice sintesi:

  • Impianti dentali tradizionali: Richiedono una buona quantità di osso mascellare a cui attaccarsi.
  • Impianti zigomatici: Non dipendono dalla profondità dell’osso mascellare. Si ancorano allo zigomo, offrendo una soluzione a chi ha meno ossa mascellari.

Introduzione agli impianti zigomatici

Gli impianti zigomatici hanno rivoluzionato il campo dell’odontoiatria offrendo una soluzione innovativa per i pazienti con grave atrofia mascellare, che saranno candidati perfetti per gli impianti zigomatici. I chirurghi inseriscono gli impianti zigomatici nello zigomo come supporto e collocano impianti normali nell’osso mascellare. Questa tecnica fornisce una base stabile per le protesi dentali, garantendo funzionalità ed estetica ottimali.

Gli impianti zigomatici sono indicati per le persone con osso mascellare superiore insufficiente per gli impianti dentali normali. Immaginate l’osso mascellare come il terreno di un giardino.

Proprio come alcune piante hanno bisogno di un terreno profondo per crescere bene, i normali impianti dentali hanno bisogno di una buona quantità di osso a cui aggrapparsi. Ma cosa succede se il terreno (o l’osso) non è abbastanza profondo? È qui che entrano in gioco gli impianti dentali zigomatici.

Gli impianti zigomatici sono più lunghi e si ancorano allo zigomo anziché all’osso mascellare per una maggiore stabilità. Lo zigomo è di solito molto più forte e profondo dell’osso mascellare superiore, il che lo rende un’ottima base per questi impianti.

Ecco una semplice sintesi:

  • Impianti dentali tradizionali: Necessitano di una buona quantità di osso mascellare a cui attaccarsi.
  • Impianti zigomatici: Non dipendono dalla profondità dell’osso mascellare. Si ancorano allo zigomo, offrendo una soluzione a chi ha meno ossa mascellari.

Gli impianti dentali zigomatici aiutano le persone con osso insufficiente per i normali impianti a ottenere denti fissi. Ora possono godere dei vantaggi di avere denti permanenti. È come piantare un albero in un terreno poco profondo con un forte supporto che raggiunge una solida base per la stabilità e la crescita.

Impianti zigomatici Odontoiatria
Impianti zigomatici Odontoiatria

I vantaggi degli impianti zigomatici

  1. Risultati immediati: Uno dei vantaggi principali degli impianti zigomatici è la loro capacità di fornire una funzionalità immediata. Gli impianti zigomatici possono sistemare il tuo sorriso con una sola chirurgia implantare. I pazienti devono attendere diversi mesi per la guarigione degli impianti tradizionali prima che il dentista possa aggiungere la protesi definitiva. Sebbene gli impianti dentali zigomatici consentano il carico immediato, richiedono comunque un periodo di osteointegrazione, in cui l’impianto si integra con l’osso. Questo processo è fondamentale per la stabilità a lungo termine e in genere richiede diversi mesi, come per gli impianti tradizionali. Tuttavia, la stabilità iniziale fornita dall’osso zigomatico consente ai pazienti di avere denti funzionali durante questo periodo di integrazione. (1)
  2. Evita l’innesto osseo: Una grave atrofia mascellare spesso richiede procedure di innesto osseo estese per aumentare l’osso mascellare. Tuttavia, gli impianti zigomatici possono eliminare la necessità di tali interventi poiché sono fissati allo zigomo (2). Ciò riduce i tempi di trattamento ed evita ulteriori procedure chirurgiche, rendendo il procedimento più comodo e meno invasivo.
  3. Una grave atrofia mascellare può rendere difficile masticare e gustare diversi cibi. Il ripristino della funzione masticatoria può essere d’aiuto, poiché gli impianti zigomatici forniscono un forte sostegno, aiutando i pazienti a mangiare di nuovo normalmente.
  4. Una grave atrofia mascellare può causare un aspetto del viso infossato, che può diminuire la sicurezza nel proprio aspetto. Gli impianti zigomatici possono migliorare l’aspetto del viso e infondere maggiore sicurezza, ripristinando il sorriso e fornendo un supporto strutturale al viso. (4)

La tecnica ZAGA: Un approccio pionieristico

La Tecnica ZAGA è un approccio pionieristico nell’implantologia zigomatica. L’Approccio Anatomico Guidato allo Zigoma (Zygoma Anatomy-Guided Approach) è il trattamento noto per adattarsi all’anatomia unica di ogni paziente attraverso una personalizzazione. Questo approccio utilizza una tecnologia implantare avanzata per ottenere i migliori risultati, con una pianificazione meticolosa dell’intervento e un posizionamento preciso dell’impianto in base alla struttura ossea zigomatica dell’individuo (5).

Utilizzando il concetto ZAGA, gli odontoiatri possono ottenere i seguenti vantaggi:

  • La Tecnica ZAGA si concentra su una terapia centrata sul paziente. Dà priorità alle esigenze del paziente e tiene conto della sua anatomia individuale. Questo approccio consente di sviluppare un piano di trattamento personalizzato, che aumenta le possibilità di ottenere risultati di grande successo.
  • La Tecnica ZAGA pianifica e posiziona con cura gli impianti zigomatici. Ciò garantisce un trattamento minimamente invasivo con risultati prevedibili e duraturi. I pazienti possono stare tranquilli per quanto riguarda il loro trattamento.
  • Chirurgia più semplice: La Tecnica ZAGA si concentra sull’anatomia di ciascun paziente, rendendo l’intervento meno complesso. Questo porta a interventi più rapidi ed efficienti.
  • La Tecnica ZAGA riduce le complicazioni durante la chirurgia degli impianti zigomatici. Considera i fattori ossei e anatomici per ridurre il rischio di problemi. Questa tecnica aiuta a ridurre al minimo i potenziali problemi che possono insorgere durante l’intervento. Tenendo conto di questi fattori, la Tecnica ZAGA migliora il tasso di successo complessivo e la sicurezza dell’intervento. (6)
Libro sugli impianti zigomatici ZAGA
anatomia dell'impianto zigomatico - alternative all'impianto dentale - impianti zigomatici - ultima alternativa all'implantologia dentale

Conclusione

Per i pazienti affetti da grave atrofia mascellare, gli impianti zigomatici offrono una soluzione rivoluzionaria in grado di ripristinare la salute orale, la funzionalità e la fiducia in se stessi. Grazie alla loro funzionalità immediata, alla possibilità di evitare l’innesto osseo, al ripristino della funzione masticatoria e all’estetica migliorata, gli impianti zigomatici possono migliorare significativamente la qualità della vita dei pazienti edentuli.

La Tecnica ZAGA, con il suo approccio incentrato sul paziente e i suoi risultati prevedibili, aumenta ulteriormente il tasso di successo dei trattamenti implantari zigomatici.

Consulta i nostri medici e odontoiatri di Smile 24h formati con la Tecnica ZAGA per migliorare il tuo sorriso. Questa tecnica può aiutarti a iniziare un viaggio verso un sorriso migliore.

Referenze:

  1. Aparicio, C., Dawood, A., Ucer, C. (2023). Zygomatic Implants. The ZAGA Concept. In: Rinaldi, M. (eds) Implants and Oral Rehabilitation of the Atrophic Maxilla. Springer, Cham.
  2. Solà Pérez A, Pastorino D, Aparicio C, Pegueroles Neyra M, Khan RS, Wright S, Ucer C. Success Rates of Zygomatic Implants for the Rehabilitation of Severely Atrophic Maxilla: A Systematic Review. Dent J (Basel). 2022 Aug 12;10(8):151.
  3. Aparicio, C., Polido, W.D., Chow, J. et al. Round and flat zygomatic implants: effectiveness after a 1-year follow-up non-interventional study. Int J Implant Dent 8, 13 (2022).
  4. Aparicio, C., Olivo, A., de Paz, V. et al. The zygoma anatomy-guided approach (ZAGA) for rehabilitation of the atrophic maxilla. Clin Dent Rev 6, 2 (2022).
  5. Aparicio C, López-Píriz R, Peñarrocha M. Preoperative Evaluation and Treatment Planning. Zygomatic Implant Critical Zone (ZICZ) Location. Atlas Oral Maxillofac Surg Clin North Am. 2021 Sep;29(2):185-202.
  6. Aparicio C, Polido WD, Zarrinkelk HM. The Zygoma Anatomy-Guided Approach for Placement of Zygomatic Implants. Atlas Oral Maxillofac Surg Clin North Am. 2021 Sep;29(2):203-231.
  7. Aparicio C, Polido WD, Chow J, David L, Davo R, De Moraes EJ, Fibishenko A, Ando M, Mclellan G, Nicolopoulos C, Pikos MA, Zarrinkelk H, Balshi TJ, Peñarrocha M. Identification of the Pathway and Appropriate Use of Four Zygomatic Implants in the Atrophic Maxilla: A Cross-Sectional Study. Int J Oral Maxillofac Implants. 2021 Jul-Aug;36(4):807-817.
  8. Clarós, P. & Końska, N. & Clarós-Pujol, P. & Sentís, J. & Clarós, Pedro & Penarrocha, Miguel & Aparicio, Carlos. (2021). Prevalence of maxillary sinus alterations after zygomatic surgery. A comparative study between intra-sinus and ZAGA approaches. Dentistry and Oral Maxillofacial Surgery.
  9. Aparicio C, López-Piriz R, Albrektsson T. ORIS Criteria of Success for the Zygoma-Related Rehabilitation: The (Revisited) Zygoma Success Code. Int J Oral Maxillofac Implants. 2020 Mar/Apr;35(2):366-378.
  10. Aparicio C, Antonio S. Zygoma Anatomy-Guided Approach “Scarf Graft” for Prevention of Soft Tissue Dehiscence Around Zygomatic Implants: Technical Note. Int J Oral Maxillofac Implants. 2020 Mar/Apr;35(2):e21-e26
  11. M PD, Jc BM, A FR, C A, D PO. Bone Regeneration and Soft Tissue Enhancement Around Zygomatic Implants: Retrospective Case Series. Materials (Basel). 2020 Mar 29;13(7):1577
  12. Aparicio C, Manresa C, Francisco K, Claros P, Alández J, González-Martín O, Albrektsson T. Zygomatic implants: indications, techniques and outcomes, and the zygomatic success code. Periodontol 2000. 2014 Oct;66(1):41-58.
  13. Aparicio C, Manresa C, Francisco K, Aparicio A, Nunes J, Claros P, Potau JM. Zygomatic implants placed using the zygomatic anatomy-guided approach versus the classical technique: a proposed system to report rhinosinusitis diagnosis. Clin Implant Dent Relat Res. 2014 Oct;16(5):627-42.
  14. Aparicio C, Manresa C, Francisco K, Ouazzani W, Claros P, Potau JM, Aparicio A. The long-term use of zygomatic implants: a 10-year clinical and radiographic report. Clin Implant Dent Relat Res. 2014 Jun;16(3):447-59.
  15. Aparicio, Carlos. (2011). A proposed classification for zygomatic implant patient based on the zygoma anatomy guided approach (ZAGA): a cross-sectional survey. European journal of oral implantology. 4. 269-75.
  16. Aparicio C, Ouazzani W, Aparicio A, Fortes V, Muela R, Pascual A, Codesal M, Barluenga N, Franch M. Immediate/Early loading of zygomatic implants: clinical experiences after 2 to 5 years of follow-up. Clin Implant Dent Relat Res. 2010 May;12 Suppl 1:e77-82.
  17. Aparicio C, Ouazzani W, Aparicio A, Fortes V, Muela R, Pascual A, Codesal M, Barluenga N, Manresa C, Franch M. Extrasinus zygomatic implants: three year experience from a new surgical approach for patients with pronounced buccal concavities in the edentulous maxilla. Clin Implant Dent Relat Res. 2010 Mar;12(1):55-61.
  18. Aparicio C, Ouazzani W, Hatano N. The use of zygomatic implants for prosthetic rehabilitation of the severely resorbed maxilla. Periodontol 2000. 2008;47:162-71.
  19. Aparicio C, Rangert B, Sennerby L. Immediate/early loading of dental implants: a report from the Sociedad Española de Implantes World Congress consensus meeting in Barcelona, Spain, 2002. Clin Implant Dent Relat Res. 2003;5(1):57-60.
  20. Aparicio C, Ouazzani W, Garcia R, Arevalo X, Muela R, Fortes V. A prospective clinical study on titanium implants in the zygomatic arch for prosthetic rehabilitation of the atrophic edentulous maxilla with a follow-up of 6 months to 5 years. Clin Implant Dent Relat Res. 2006;8(3):114-22.
  21. Carlos Aparicio, MD, DDS, DLT, MS/Per-lngvar Brånemark, MD, PhD/Eugene E. Keller, DDS, MSD/Jordi Olivé, MD, DDS, DUPMF. Reconstruction of the Premaxilla With Autogenous lliac Bone in Combination With Osseointegrated Implants. International Journal of Oral & Maxillofacial Implants. Volume 8 , Issue 1. January/February 1993. Pages 61-67

Potrebbe interessarti anche Imparare: